DEUTZ-FAHR

Novità Deutz-Fahr: Scendono in campo i nuovi TTV

Dopo l’anteprima di Agritechnica nel 2011, la casa tedesca ha presentato dal vivo le ultime produzioni che escono da Lauingen

Un megaevento in quel di Berlino per lanciare a livello mondiale le ultime due serie prodotte nello stabilimento di Lauingen e celebrare allo stesso tempo il decennale della trasmissione a variazione continua in casa Deutz-Fahr. È stata infatti la Serie 7 in particolare la protagonista di questo lancio davanti a milleduecento persone tra clienti e dealer e a 120 giornalisti provenienti da tutta Europa. Una Serie 7 che, oltre ai nuovi motori Deutz Fase III B (Tier 4i), prevede la collaudata trasmissione a variazione continua ZF.

Tre i modelli che costituiscono questa serie (7210, 7230 e 7250 TTV, presentato in anteprima lo scorso anno ad Agritechnica), per potenze nominali rispettivamente di 186, 204 e 237 CV, che salgono a 224, 245 e 264 con il Power Boost. Le potenze sono erogate da un motore a 6 cilindri Deutz TCD 6.1 L06 4V, una combinazione di tecnologie sviluppata a seguito di una strategia di “downsizing” (riduzione delle dimensioni) di Deutz-Fahr, che permette un consistente risparmio di carburante. I valori di potenza massima vengono raggiunti a 1.900 giri/min, la coppia massima a 1.600 giri/min, coppia che rimane pressoché costante tra 950 e 1.650 giri/min. Completano il quadro: 4 valvole per cilindro, turbocompressore con intercooler e wastegate, impianto di iniezione carburante ad alta pressione Dcr (Deutz Common Rail) con controllo elettronico integrato funzionante fino a 2.000 bar e trattamento dei gas di scarico per mezzo di convertitore catalitico Scr.

60 km/h

Con una velocità massima di 60 km/h (ove consentito), i modelli della serie 7 TTV sono progettati per garantire la massima produttività anche nelle applicazioni di trasporto. Il comfort di marcia offerto da un TTV è davvero rilevante: in pratica, l’operatore si affida totalmente al joystick, senza più pensare a frizione, cambio, acceleratore e freni, un controllo a variazione infinita azionabile con il tocco delle dita, che consente al trattore di operare a velocità basse senza ulteriori riduzioni.

A contenere il consumo di carburante contribuisce anche un generoso pacchetto Pto: il nuovo 7210 TTV è dotato di un cambio 540/540E/1000/1000E con selezione meccanica, mentre i modelli maggiori prevedono una combinazione di velocità 540E/1000/1000E e tutte le velocità vengono selezionate elettroidraulicamente. Nel reparto freni, oltre all’impianto frenante PowerBrake, è previsto il freno di stazionamento elettronico (Epb), che offre la frenata modulata in base al carico e in combinazione con il controllo attivo della trasmissione. I dischi dei freni sull’assale anteriore nella versione 60 km/h sottolineano l’elevato comfort di marcia. Anche l’impianto idraulico è di prim’ordine, grazie a una pompa dell’idroguida separata e ai circuiti ausiliari da 44 l/min, e a una pompa Load-Sensing da 120 l/min, che su richiesta può essere portata fino a 165 l/min. La portata del sollevatore posteriore nella serie 7 è di 10.000 kg (4.500 kg in quello anteriore, optional).

Chiudiamo con la nuova cabina MaxiVision, che sarà di serie su tutti i trattori Tier 4icontinui oltre 120 CV. Tutti gli elementi di comando per controllo motore, guida, funzioni Pto e idraulica sono concentrati nel nuovo bracciolo con il nuovo joystick ergonomico. Questo concetto di comando è stato sviluppato da Deutz-Fahr insieme ad agricoltori, imprenditori e Giugiaro Italdesign, azienda italiana leader nel campo dell’ergonomia e del design del settore automotive. Nella versione base il trattore è equipaggiato con il nuovo display a colori, che indica chiaramente le funzioni del trattore, mentre come optional è disponibile un monitor touchscreen da 12” con la possibilità di integrare il sistema di guida Gps Agrosky e il sistema di gestione professionale ComforTip. Ottima anche la visibilità offerta dal nuovo parabrezza monolitico e dai nuovi materiali di alta qualità.

Serie 6

Oltre alla Serie 7, Deutz-Fahr ha fatto debuttare anche la nuova Serie 6, una sorta di evoluzione della riuscita gamma Agrotron. Il nuovo motore Deutz e la nuova trasmissione Sense-Shift costituiscono la base di una gamma che abbraccia in pieno il concetto di Power Efficiency lanciato da Deutz-Fahr, ossia l’applicazione delle migliori soluzioni tecnologiche per ottenere i costi di esercizio più bassi possibili con le massime prestazioni possibili. La Serie 6 offre 6 modelli compresi tra 150 e 190 CV, di cui due modelli a 4 cilindri fino a 166 CV e il nuovo agile 6190 con pneumatici da 42”. I modelli a 4 cilindri con passo corto fino a 166 CV rappresentano un’alternativa ai modelli a 6 cilindri e seguono la strategia di downsizing citata prima.

Concentrandosi sulla nuova trasmissione Sense-Shift, presenta 6 gamme, ciascuna con 4 stadi del variatore di carico, offrendo così 24 velocità in ciascuna direzione di marcia; a queste, su richiesta, può essere aggiunto il superriduttore disponibile per le quattro gamme più basse, per un totale di 40 + 40 velocità. Tutto il sistema è stato riprogettato, dalla scatola alla leva del cambio, per una selezione rapida e comoda delle marce. Ma la vera evoluzione riguarda gli stadi del variatore di carico, perché la Sense-Shift adatta il cambio delle marce alla situazione di lavoro specifica. In pratica, il conducente percepisce soltanto una leggera oscillazione al momento del cambio marcia. Questa esperienza di guida è completata dalla nuova funzione Sense Clutch, che consente anche di adattare l’aggressività del cambio di direzione alla situazione di lavoro. Infine, da segnalare la disponibilità di due versioni per ogni modello, la B (Basic) e la P (Profi), con quest’ultima che prevede una trasmissione PowerShift automatica sofisticata che seleziona il rapporto più adatto all’interno dei 4 stadi del variatore di carico di ciascuna gamma.

A livello di Pto, ne abbiamo quattro disponibili, tra cui 540 Eco e 1000 Eco. Il sistema idraulico di base prevede una pompa a portata fissa da 83 l/min (come optional è disponibile una pompa Load-Sensing da 120 l/min), più una pompa indipendente per l’idroguida. Il sollevatore posteriore ha una portata fino a 9.200 kg, quello anteriore opzionale di 3.800 kg.

Anche in questo caso è chiaramente apprezzabile la linea sviluppata in collaborazione con Giugiaro. In particolare, i nuovi parafanghi con gruppi luci a Led integrali aggiungono un tocco in più di raffinatezza, mentre su richiesta la cabina Classe S² può essere equipaggiata con sospensioni meccaniche o pneumatiche. Da ricordare infine il sofisticato sistema Infocenter e gli opzionali iMonitor e ComforTip (per la memorizzazione delle operazioni ripetitive a fine campo).

Il progetto 440 HP

In occasione di questo grande evento è stato confermato il progetto di arrivare fino ai 440 cavalli di potenza massima in futuro. Il progetto potrebbe concretizzarsi già nel 2014, con un trattore equipaggiato con trasmissione ZF Eccom 3.0, pneumatici 750/75 R46, assale anteriore con ruote indipendenti e sistema idraulico da 330 l/min. Tra gli strumenti per scaricare meglio a terra la potenza, Deutz-Fahr punta su pneumatici larghi anche anteriormente, elevata componente meccanica nella trasmissione a variazione continua, distribuzione dei pesi ottimizzata, zavorratura delle ruote e ruote gemellate.

Allegati

Scarica il file: Novità Deutz-Fahr: Scendono in campo i nuovi TTV

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome