Cbm Group si espande in Cina

Acquisito il 55% dell’azienda cinese Jingshan Company Co. Ltd

Il gruppo CBM ha comunicato di aver acquisito, tramite la controllata Mita Oleodinamica SpA con sede a Tregnago (Vr), il 55% dell’azienda cinese Jingshan Company Co. Ltd., con sede a Luoyang, regione dell’Henan (Cina), specializzata anch’essa nella produzione di componenti oleodinamici per il trattore agricolo. Lo stabilimento insiste su una superficie di ben 45 mila mq di cui 13.5 coperti.

La cerimonia di inaugurazione

La nuova joint-venture, che dopo le formalità previste dai locali regolamenti, assumerà il nome di “Mita Hydraulics China Pvt. Ltd.” sarà interamente a coordinamento italiano, diventando così, per l’intero Gruppo, un punto strategico per l’espansione futura in Cina. Inizialmente la produzione sarà dedicata a distributori idraulici, valvole direzionali, cilindri idraulici e, a seguire (nel breve), sollevatori completi (idraulici ed elettronici).

 

 

CBM Group, già presente con importanti realtà produttive, oltre che in Italia, anche in Polonia (CBM Polska a Lublino) e in India (due unità produttive di cui una vicino a Delhi e una, inaugurata ad aprile 2018 nella città di Dewas nel Madhya Pradesh), aggiunge quindi un’altra bandiera italiana nel mondo, questa volta in Cina. La proprietà ritiene questo ulteriore investimento di importanza strategica per lo sviluppo del Gruppo, finalizzato a una sempre più importante presenza nel mondo per rimanere competitivi e per migliorare l’attività produttiva degli stabilimenti di Modena e Verona. Advisor dell’operazione sono stati per la parte legale “Chiomenti Studio legale” e per la parte finance “RSA Riccardi – Studio Associato”.

 

Enrico Cornia (primo da sinistra, ad di Cbm Group) e Omero Cornia (secondo da destra, presidente di Cbm Group) assieme ai referenti della Jingshan Company Co. Ltd. in visita a Modena

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome