Servo T 6000, l’aratro Pöttinger per le alte potenze

L'azienda austriaca presenta un partner potente per trattori fino a 500 cavalli

L’aratro gioca un ruolo importante nella moderna lavorazione del terreno. Per nessun'altra macchina la gamma di esigenze individuali è così grande come per l’aratro, a causa delle svariate condizioni del terreno presenti in tutto il mondo. Con la nuova generazione di aratri semiportati l'azienda austriaca Pöttinger si è attrezzata per il futuro: Servo T 6000 è il risultato di un’esperienza pluriennale nel settore degli aratri e di un’accurata progettazione. Il telaio principale e la protezione di sovraccarico Nova sono state riprogettate e costituiscono una base stabile per un impiego affidabile.

I nuovi aratri semiportati vengono proposti negli allestimenti Standard e Plus (per aratri da 6 a 9 vomeri) e Nova e Plus Nova (per aratri da 6 a 8 vomeri). Gli aratri Nova e Plus Nova sono dotati di una protezione idraulica di sovraccarico con una forza di sgancio regolabile fino a 2.200 kg, che protegge l’aratro da danneggiamenti e consente di arare senza fermarsi. La nuova Serie è disponibile con una distanza tra i corpi di 102 cm e un’altezza del telaio da terra di 80 cm (90 cm su richiesta).

Redditività elevata

Nel Servo T 6000 il sistema Traction Control garantisce una trasmissione attiva di forza aggiuntiva sull'assale posteriore del trattore. Così è possibile gravare l’assale posteriore del trattore fino a ulteriori 1.100 kg, con un contemporaneo adattamento ottimale dell’aratro al trattore.

Lo slittamento del trattore viene ridotto al minimo e il consumo di carburante si riduce fino a 3,5 l per ettaro. Inoltre, si riduce l’imbrattamento delle ruote posteriori e si protegge il terreno. Lo zavorramento addizionale dell’assale posteriore non è necessario. Grazie al trasferimento del peso del trattore e della sollecitazione permanente delle ruote posteriori del trattore è sufficiente una zavorra anteriore.

Il nuovo Servo T 6000 è dotato di un numero ridotto di punti di lubrificazione ben accessibili, per mantenere i tempi di manutenzione più ridotti possibile. Inoltre, tutte le punte girevoli sono allestite di serie con qualità Durastar. Ciò comporta un notevole incremento della longevità, contribuendo a una maggiore redditività.

Le geometrie di attacco dei trattori sono cambiate notevolmente: i pneumatici sono diventati più grandi, la struttura dei trattori è più alta. Perciò Pöttinger ha adattato e ottimizzato perfettamente la geometria del nuovo Servo T 6000 alle dimensioni di attacco dei nuovi trattori.
L’aratro semiportato viene agganciato ai bracci inferiori del trattore mediante doppie piastre di attacco. Con esse è possibile coprire differenti geometrie di attacco. Un lungo timone garantisce maggiori interspazi durante le manovre e nei passaggi stretti.

Il centro di regolazione Servomatic

Sul nuovo aratro semiportato è possibile effettuare le regolazioni necessarie con pochi gesti, in modo semplice e intuitivo. La profondità di lavoro è regolabile mediante piastre. La larghezza di lavoro del primo corpo è regolabile grazie alla manovella presente sullo stabilizzatore – oppure, su richiesta, idraulicamente. Negli aratri Plus e Plus Nova la larghezza di lavoro è adattabile idraulicamente, su richiesta, alla conformazione del terreno, alle esigenze d’impiego o alla potenza del trattore. Così viene sempre garantito il migliore risultato di lavoro. La pressione di sgancio del dispositivo di sovraccarico Nova è regolabile comodamente mediante un distributore idraulico del trattore – la forza di sgancio è di 2.200 kg.

Per compensare ancora meglio le sollecitazioni che si presentano durante l’impiego è stata ottimizzata la struttura del telaio. Le forze agiscono linearmente e le deviazioni sono state ridotte al minimo, così si fa un uso efficace della forza di trazione del trattore. Inoltre, grazie alla struttura riprogettata si proteggono tutti i cuscinetti e i supporti.

 

Servo T 6000, l’aratro Pöttinger per le alte potenze - Ultima modifica: 2021-11-06T15:19:40+01:00 da M&MA Macchine e Motori Agricoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome