Primo trimestre in rosso per Cnh Industrial

Nicole Pereira Photography
Durante i primi tre mesi del 2020 ricavi in calo del 15,4% rispetto al pari data 2019. Rinviato lo spin-off Iveco e Fpt

Come facilmente prevedibile, i primi risultati economici che cominciano ad arrivare sono fortemente influenzati dalla continua diffusione della pandemia di Covid-19 che ha iniziato a incidere sui mercati finali e sulle attività delle aziende del settore agromeccanico.

Per quanto riguarda Cnh Industrial, durante il primo trimestre del 2020 i ricavi consolidati sono risultati pari a 5,5 miliardi di dollari per il primo trimestre del 2020, in diminuzione del 15,4% rispetto al primo trimestre del 2019. I ricavi di vendita netti delle Attività Industriali sono stati pari a 5,0 miliardi di dollari per il primo trimestre del 2020, in diminuzione del 17% rispetto al primo trimestre del 2019.
La perdita netta (Ebit) è stata di 54 milioni di dollari nel primo trimestre del 2020 (-120,5% rispetto al pari data 2019), mentre la perdita netta adjusted (Ebitda) è stata di 66 milioni di dollari, rispetto a un utile netto adjusted pari a 248 milioni di dollari nel primo trimestre del 2019.

Agricoltura meno peggio degli altri

La domanda mondiale di macchine per l’agricoltura è diminuita nel primo trimestre del 2020, con la domanda globale di trattori in calo del 15% e quella delle mietitrebbiatrici in diminuzione dell'11%. Il calo della domanda di trattori è stato del 36% nel solo mese di marzo. In Nord America, la domanda di trattori è diminuita del 9% nel trimestre, principalmente nel segmento di minor potenza (inferiore a 140 CV), mentre la domanda di mietitrebbiatrici è diminuita del 22%. In Europa, il mercato dei trattori e delle mietitrebbiatrici è diminuito rispettivamente del 10% e del 20%, con i trattori in calo del 24% nel solo mese di marzo. In Sud America il mercato dei trattori e delle mietitrebbiatrici è diminuito rispettivamente del 6% e del 30%. Nel Resto del Mondo, la domanda è diminuita del 17% per i trattori e del 2% per le mietitrebbiatrici, con un rallentamento del mercato dei trattori del 43% nel solo mese di marzo.

Il segmento Agriculture di Cnh Industrial ha registrato ricavi di vendita netti pari a 2,2 miliardi di dollari nel primo trimestre del 2020, in diminuzione del 9,9% rispetto al primo trimestre del 2019. La diminuzione è stata il risultato della diminuzione della domanda in tutte le aree geografiche e di un ulteriore deterioramento legato all’epidemia di Covid-19, nonché delle azioni per ridurre le scorte della rete vendita in Nord America, parzialmente compensati da prezzi migliori in tutte le aree geografiche.
L’Ebitda è stato pari a 24 milioni di dollari, in calo di 144 milioni di dollari rispetto al primo trimestre del 2019. I prezzi migliori, la rigorosa gestione dei costi e l’andamento favorevole della performance degli acquisti sono stati più che compensati dai minori volumi, dal mix mercato/prodotto, dall’assorbimento negativo dei costi fissi (principalmente in Europa) per effetto della chiusura degli stabilimenti, dai maggiori costi del prodotto e dai costi associati alle azioni sulla qualità del prodotto. L’impatto del cambio è stato negativo, principalmente quello derivante dal Sud America. Il margine Ebtda è stato pari a 1,1% (6,7% nel primo trimestre del 2019).

Entro fine maggio ritorno alla piena attività

Lo scorso 27 aprile Cnh Industrial ha iniziato il riavvio di alcuni dei suoi impianti industriali in Europa nei limiti delle normative di emergenza applicabili. A partire dal 5 maggio, oltre i due terzi dei 67 stabilimenti della Società erano già operativi, a vari livelli. Su base regionale, oltre il 75% dei siti produttivi in Europa e circa il 60% in Nord America, in Sud America e nel Resto del Mondo sono già operativi. La Società prevede di ritornare alla piena attività nella maggior parte dei siti entro la fine del mese di maggio.

Suzanne Heywood

Prospettive difficili da ipotizzare

«Cnh Industrial sta continuando ad attuare misure per adattarsi rapidamente e reagire alle circostanze straordinarie determinate dalla diffusione del Covid-19 – ha dichiarato Suzanne Heywood, presidente e Chief Executive Officer pro tempore di Cnh Industrial –. Abbiamo dato la priorità a quattro aspetti: la salute e il benessere dei nostri dipendenti; la continuità delle nostre attività dal punto di vista della liquidità, della gestione dei costi e della presenza sul mercato; la forza della nostra rete di vendita e della nostra base fornitori; e il supporto ai nostri clienti e alle comunità in cui operiamo. Ci siamo impegnati a garantire che emergeremo da questa crisi di salute pubblica come un'azienda più forte e più efficiente e a far sì che i nostri clienti e le nostre altre controparti, che operano in molti mercati finali essenziali per il benessere e la prosperità della società, sappiano che abbiamo dato loro il miglior supporto possibile durante questo periodo eccezionale. La nostra liquidità disponibile è pari a 9,9 miliardi di dollari al 31 marzo 2020, il secondo livello più alto nella storia della nostra Società alla fine del primo trimestre, fornendo una solida base di cassa e uno spazio all’interno delle nostre linee di credito per affrontare un contesto così incerto e sfidante. Cnh Industrial ha recentemente dimostrato la propria capacità di accedere a programmi di finanziamento promulgati dai governi come risposta pubblica all’epidemia di Covid-19. Il management ha simulato molti e differenti scenari di evoluzione delle attuali circostanze straordinarie e sta concentrando i suoi sforzi sulla selezione delle migliori strategie in risposta a ogni potenziale scenario. Le persistenti incertezze nelle situazioni in continua evoluzione dei mercati finali, insieme a possibili ulteriori interruzioni nella nostra catena di fornitura, non ci consentono di fornire, in questo momento, delle prospettive utili sui risultati del secondo trimestre o dell'anno».

Confermata, infine, la strategia Transform2Win, incluso lo spin-off delle attività On-Highway, ma le tempistiche originali per l’implementazione di tale spin-off saranno estese a causa delle condizioni di mercato.

 

Primo trimestre in rosso per Cnh Industrial - Ultima modifica: 2020-05-08T10:35:39+02:00 da M&MA Macchine e Motori Agricoli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome