Mercato macchine agricole, ripresa certa (ma non per tutti)

Tractor icons set. Combine for agriculture, transportation machine, vector illustration
Il mercato europeo delle macchine agricole dovrebbe tornare a crescere nel 2017. A parte alcuni paesi

Il mercato europeo delle macchine agricole dovrebbe tornare a crescere nel 2017. Le stime di vendita per la maggior parte dei paesi europei sono cautamente positive, come testimonia il trend in costante crescita del barometro della Cema (Associazione europea dei costruttori di macchine agricole), che in maggio ha raggiunto il massimo valore mensile dal 2012 a questa parte.

Partendo dai trattori, contrariamente alle sensazioni positive dell’industria, il mercato europeo ha perso leggermente terreno (-1,3%) anche nel primo quarto di quest’anno.

La domanda nel primo trimestre è aumentata in Belgio (+4,9%), Danimarca (+12,6%), Germania (+5,7%), Italia (+13,8%), Spagna (+22,3%) e Regno Unito (+26,4%) rispetto al pari data 2016, mentre è diminuita in Austria (-10,3%), Olanda (-2,3%) e Francia (-25,9%). Quest’ultimo mercato è il secondo principale mercato europeo dopo la Germania, quindi il dato negativo in Europa nel primo trimestre è da attribuire principalmente alla Francia. In linea generale, le vendite dei trattori sotto i 50 cavalli e quelle dei trattori sopra i 150 cavalli sono in crescita, mentre quelle degli altri segmenti di potenza sono deboli. Sempre secondo la Cema, anche la domanda di presse, falciatrici, irroratrici, mietitrebbie e trince è attesa in aumento nel 2017.

Francia, Germania, Italia e Spagna

Per i due mercati più grossi in Europa, Francia e Germania, l’outlook complessivo per le macchine agricole rimane differenziato.  In Francia, il mercato è calato dell’8% nel 2016 rispetto al 2015 e per la prima metà del 2017 questo trend dovrebbe mantenersi. L’unica categoria di macchine che dovrebbe invertire la tendenza è quella delle trince foraggere. Passando alla Germania, il mercato ha vissuto un calo del 5% nel 2016, tuttavia sembra che si stia lentamente riprendendo, con un piccolo incremento atteso per il 2017. In particolare, si attendono valori positivi per trince e presse, mentre per le altre macchine è prevista una sostanziale stabilità o una lieve crescita.

Il mercato delle macchine agricole in Italia mostra un calo costante dal 2012 (-3,7% nel 2016) e per il 2017 ci si attende un ulteriore segno meno (-2,2%). La principale ragione sta nel lento tasso di sostituzione dei trattori, a seguito del basso livello di reddito degli agricoltori. Come nel 2016, il mercato spagnolo è invece destinato a crescere anche nel 2017: il tasso più alto è atteso per irroratrici, macchine per la lavorazione del terreno, seminatrici e trapiantatrici, mentre trattori e rimorchi dovrebbero mantenere ritmi inferiori.

Regno unito, Olanda, Belgio e Austria

Come previsto, la Brexit ha avuto un certo impatto sul mercato del Regno Unito. Se da un lato l’indebolimento della sterlina ha migliorato la posizione finanziaria degli agricoltori britannici, dall’altro ha reso più costose le importazioni di macchine agricole. Il 2017 si preannuncia un “anno piatto” per le macchine agricole, dopo il calo del 2% nel 2016. Il mercato dei trattori dovrebbe tornare a crescere dopo che, nel 2016, ha toccato il minimo storico degli ultimi 15 anni. Un miglioramento è atteso anche per spandiconcime e carri miscelatori, mentre seminatrici e voltafieno caleranno dopo un ottimo 2016. In generale, la domanda dovrebbe rimanere più o meno stabile.

In Olanda trattori e irroratrici dovrebbero perdere posizioni nel corso del 2017, mentre per falciatrici, presse, mietitrebbie e trince ci si attende un leggero aumento della domanda e nel complesso il mercato olandese verosimilmente rimarrà sui livelli del 2016. Belgio: mercato in ribasso nel 2016, ma stabile nel 2017. La richiesta di trattori è scesa del 3% lo scorso anno e dovrebbe perdere un altro 10% circa quest’anno. La maggior parte delle macchine agricole ha visto una modesta contrazione nel 2016, che continuerà anche nel 2017 (o al massimo si manterrà stabile), a eccezione delle trince, che segnano una leggera crescita. Infine, in Austria il mercato generale delle macchine agricole si è chiuso con un +5,4% nel 2016.

Nel complesso, le previsioni commerciali sono piuttosto positive per i mercati stranieri e questo dovrebbe stimolare la produzione in parecchi paesi, nonostante una richiesta interna modesta.

 

Visualizza CBI - indice del business secondo il questionario mensile Cema

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome