RINNOVABILI

Biocombustibili e biomolecole dal Progetto BIOMOLENER

Il progetto “Produzione di biocombustibili e biomolecole da residui di processi agrozootecnici ed agroindustriali”
Il progetto “Produzione di biocombustibili e biomolecole da residui di processi agrozootecnici ed agroindustriali”, finanziato dal Mipaaf e coordinato dal CRA-RPS GR Torino con la partecipazione di Politecnico di Torino, Legacoop Agroalimentare e Università di Bologna, si propone di elaborare un modello di bioraffineria per i distretti a prevalente indirizzo produttivo agrozootecnico e lattiero-caseario, basato su un sistema integrato di riutilizzo dei principali scarti: liquami zootecnici, siero di latte e scotta, con l'obiettivo di ottenere biocombustibili e biomolecole riducendo contemporaneamente i costi di smaltimento dei reflui.
Il progetto prevede la messa a punto dei processi per ottimizzare le rese di trasformazione. Il siero e la scotta possono essere usati come substrato di crescita di biomasse microbiche che ne sfruttano il contenuto residuo in lattosio, ottenendone prodotti come bioplastiche e acido lattico, bioetanolo e biodiesel, con l'ulteriore vantaggio dell'abbattimento di COD e BOD nell'effluente.
Siero e scotta tal quali o l'effluente che residua dopo le trasformazioni biotecnologiche vengono poi miscelati ai liquami zootecnici per la produzione di biocombustibili quali il biometano ed il bioidrogeno.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome